Contando Lunares Don Patricio e cruz Cafunè – Traduzione in italiano

Contando Lunares – Don Patricio e cruz Cafunè Testo. Wikitesti.com è la più grande enciclopedia musicale italiana, sul nostro sito oltre i testi delle canzoni potete trovare: traduzioni delle canzoni, accordi per chitarra, spartiti musicali e molto altro.

TRADUZIONE IN ITALIANO

Buongiorno, buonasera a signori e la principessa
Non capito l italiani nella zona
Il bambino Regalo di Patrick e Cruzzi Cafunotti
Da piazza di la Caleta a tutto il mondo
Pizza prosciutto, pizza tropicale, pane all’aglio 2’50 Coca Cola grande
Spero che ti piace il disco Patri

Vente, esita un po’
Che anche se io sono il pazzo
Io lo amo e so’
E se si, sono pazzo, pazzo bambina mia
Io so chi sei veramente
E non è quello che vogliono sapere

Esa mami mi fa impazzire
Quasi non zoppo spiaggia di conteggio talpe
Ora venire dove già si sa’
La verità è che la riunione non era nei miei piani

Mira, quel giorno hanno messo insieme una forte pitote
Per la creek, botaos’, non è vero? Supponiamo
Tutti resacosos, che la notte era un sacco
E pa’ recuperare pa’l pozzanghera con il sole nel collo
Siamo stati con Kuko e le Viti, tranquilotes
E improvvisamente dal nulla appare una forte perote
Che viene fuori ci tirándonos baci
Mi rivolgo pa l nota e dire, ‘Patri, come è questo?’
Giuro, non so come spiegarlo
Era al di fuori della Secca o qualcosa
Era meraviglioso e quedona, ha visto che l’abbiamo visto
Che ha tirato il pilota appositamente pa’ salpicarnos
E quando è venuto fuori dall’acqua
Tutti supercantosos in piano
Ci siamo avvicinati a parlare piano, per vedere cosa nasce
E perdiamo, ‘No, sobran, se sono venuto con Uge’n nVente, esita un po’
Che anche se io sono il pazzo
Io lo amo e so’
E se si, sono pazzo, pazzo bambina mia
Io so chi sei veramente
E non è quello che vogliono sapere

Don Patrick mamma, báilame el venao’
Giocare con i pogs, e il bollicao
Penso troppo, lei mi ha aflame

Ma dire che jevita che io non sono casão’
I vestiti in camera mia desordenao’
Lasciare che guacho guatón culieao’
E ‘ stata una estate che non ti dia estate
Ma il giorno del concerto è sold out
Papas arrugadas, mojito, pescao’
Procuratevi una fontana, piccolo tumbao’
Mi è venuto in cerca di te, ma quello che la mamma?
Mamma, se si dedicao’
Pura crema di riso con fagiolo stringa
Cerchiamo di spezie, mami vamo’ il punto
E dille che la danza ti ho incontrato
E ci piace

Pa’ a cazzo
Ho un ottima colonna vertebrale
Divora una fetta
La vitamina
Non riesce a trovare un lavoro
Non voglio un’altra vita
Luce di pa’ giù
Luce di pa’ arriba

Pa’ a cazzo
Ho un ottima colonna vertebrale
Divora una fetta
La vitamina
Non riesce a trovare un lavoro
Non voglio un’altra vita
Luce di pa’ giù
Luce di pa’ arriba

Vente, esita un po’
Che anche se io sono il pazzo
Io lo amo e so’
E se si, sono pazzo, pazzo bambina mia
Io so chi sei veramente
E non è quello che vogliono sapere

Esa mami mi fa impazzire
Quasi non zoppo spiaggia di conteggio talpe
Ora venire dove già si sa’
La verità è che la riunione non era nei miei piani

 

TESTO ORIGINALE 

Il Testo della della canzone Di: Contando Lunares – Don Patricio e cruz Cafunè

Buongiorno, buonasera a los signori y las principessa
Non capito l’italiani, l’italiano de la zona
Il bambino Don Patricio é Cruzzi Cafunotti
De la piazza de la Caleta para el mundo entero
Pizza prosciutto, pizza tropicale, pan con ajo 2’50 Coca Cola grande
Espero que disfruten del disco de Patri

Vente, vacila un poquito
Que aunque yo me haga el loquito
Me encanta y lo sabe’
Y si está loca, loquita mía
Yo sé quien eres realmente
Y no lo que ellos saben

Esa mami me tiene loco
Ya casi no cojo playa contando lunares
Ahora vente donde tú ya sabe’
La verdad que conocerte no entraba en mis planes

Mira, aquel día se armó un fuerte pitote
To’s en la caleta, botaos’, ¿no? Suponte
Todos resacosos, que esa noche fue de lote
Y pa’ recuperar pa’l charco con el sol en el cogote
Estábamos con Kuko y con el Viti, tranquilotes
Y de pronto de la nada aparece un fuerte perote
Que entra por ahí tirándonos besos
Me giro pa’l nota y digo, “Patri, ¿y eso?”
Te lo juro, no sé cómo explicarlo
Era de fuera de La Restinga o algo
Era preciosa y quedona, vio que la mirábamos
Que se tiró de piloto adrede pa’ salpicarnos
Y cuando salió del agua (Ay papá)
Todos supercantosos en plan (Ay papá)
Nos acercamos a hablar en plan, a ver qué surge
Y nos suelta, “No, sobran, si yo vine con Uge”

Vente, vacila un poquito
Que aunque yo me haga el loquito
Me encanta y lo sabe’
Y si está loca, loquita mía
Yo sé quien eres realmente
Y no lo que ellos saben

Don Patricio mami, bailame el venao’
Juega con los tazos y el bollicao
Yo la pienso mucho, ella me tiene loquito
Pero dile a esa jevita que no estoy casao’
Tu ropa en mi cuarto desordenao’
Deja ya a ese guacho guatón culieao’
Hace ya un verano que no te damos verano
Pero el día del concierto está sold out
Papas arrugadas, mojito, pescao’
Hazte una fontana, chiquito tumbao’
Yo vine a buscarte pero, ¿mami que tienes?
Mami, si te lo pongo dedicao’
Pura crema, arroz con habichuela
Déjate de especias, mami vamo’ al grano
Y dile que bailando te conocí
Y nos lo gozamos

Pa’ dentro carajo
Tengo buena espina
Comiéndome un gajo
Pura vitamina
No encuentro trabajo
No quiero otra vida
Poquito pa’ abajo
Poquito pa’ arriba

Pa’ dentro carajo
Tengo buena espina
Comiéndome un gajo
Pura vitamina
No encuentro trabajo
No quiero otra vida
Poquito pa’ abajo
Poquito pa’ arriba

Vente, vacila un poquito
Que aunque yo me haga el loquito
Me encanta y lo sabe’
Y si está loca, loquita mía
Yo sé quien eres realmente
Y no lo que ellos saben

Esa mami me tiene loco
Ya casi no cojo playa contando lunares
Ahora vente donde tú ya sabe’
La verdad que conocerte no entraba en mis planes

 

Ecco una serie di risorse utili per Don Patricio e cruz Cafunè in costante aggiornamento

Tutti i TESTI delle canzoni di Don Patricio e cruz Cafunè